Il Dottore a Piede Libero – Studio della Postura

I tuoi plantari in un'ora a qualsiasi ora!!!

Basta prendere un appuntamento!

Leggi tutto

Oppure contattaci al numero

06.4547.7933

“Postura” è il nuovo articolo della Rubrica “Il Dottore a Piede Libero” del dott. Formisano.

Introduzione

Tra i fattori di rischio delle sindromi dolorose croniche lombari e cervicali, sono sicuramente incluse le alterazioni della colonna vertebrale, conseguenti a disturbi della postura.

La valutazione di tali disturbi può essere effettuata attraverso lo studio della deviazione sulla simmetria e della distribuzione delle forze. Tale misuri si effettuano con la baropodometria e la stabilometria.

Si è condotto uno studio finalizzato alla identificazione di correlazioni tra entità della sintomatologia dolora(a livello cervicale e lombare) e parametri strumentali derivati da esami baropodometrici e stabilometrici.

Materiali e metodi

Nel nostro studio abbiamo reclutato 15 pazienti (12 donne e 3 uomini con età media di 55 anni). Di questi 6 erano affetti da lombalgia cronica e 9 presentavano rachialgia cronica sia lombare che cervicale.

Nessuno di essi era stato sottoposto ad intervento chirurgico per patologia vertebrale e nessuno dei pazienti presentava una curva scoliotica superiore a 20° o era affetto da ipercifosi dorsale o iperlordosi lombare.

Ai pazienti è stato somministrato lo Spine Pain Index che è un questionario, di nostra ideazione, che quantifica, attraverso delle scale visuoanalogiche, l’impatto del dolore rachideo sulle attività della vita quotidiana.

Nei pazienti che presentavano una sintomatologia algica cervicale, veniva somministrato anche il Neck Pain Index (NPI) , che invece, quantifica l’impatto del dolore cervicale in alcune attività quotidiane.

Tutti i pazienti sono stati sottoposti a:

  • esame baropodometrico statico
  • esame baropodometrico dinamico
  • stabilometria

Gli esami sono stati fatti su pedana computerizzata e la valutazione è stata effettuata mediante un software (Milletrix software ©).

Conclusioni

Lo studio, nonostante la piccola dimensione del campione, non supporta l’ipotesi dell’esistenza di una correlazione statisticamente significativa tra entità della variazione posturale, valutato sulla base di indagine baropodometrica, statica e dinamica, e stabilometrica, e severità della sintomatologia dolorosa lombare e cervicale.

Vieni a trovarci su FB.

Contattaci al numero

06.4547.7933